La rivoluzione sociale
23 giu 21 153

Corre l'anno...l'Italia ha venduto il Colosseo alla Francia, si esce con la maschera antigas, adesso ognuno è chiuso nella propria stanza e per

entrare in chiesa ci vuole il pass ma c'era chi aveva voglia, c'era chi stava insieme, c'era chi amava ancora...era difficile ma possibile!

Cantava così una canzone degli Articolo 31 nel 1996, n'è passato di tempo e a pensarci...

Sono quasi due anni ormai che viviamo, come in tutto il mondo, l'esperienza del covid e ci stiamo riavvicinando alla "normalità".

Bhè si potremo togliere le mascherine, andare al ristorante, in discoteca, non fare la coda al supermercato per entrare, non usare i guanti, il gel

ma non è solo questa la normalità.

Rifacendo le stesse cose normali ci porta anche a riconsiderare i soliti vecchi problemi sociali legati al proibizionismo ma non si è rimasti fermi a

guardare che il covid-19 ci annientasse! 

In Italia c'è fermento per il Ddl Zan, presentato da Alessando Zan che prevede, per sommi capi, aggravanti specifiche per i crimini d'odio e

discriminazioni contro omosessuali, transessuali, donne e disabili, pone la qualificazione dell'identità di genere, cioè sesso = sesso biologico o

anagrafico, genere=manifestazione esteriore di una persona a prescindere dalle aspettative della società.

Era stato approvato nel Novembre 2020 alla Camera ma poi è rimasto in stallo con l'ostruzionismo della Lega che ha spaccato la maggioranza.

Fine Giugno 2021 il Vaticano chiede di modificare il disegno di legge in quanto violerebbe l'articolo 2 del Concordato Stato Vaticano del 1984;

articolo già presente nei Patti Lateranensi del 1929.

Dopo l'intervento di Draghi, asserendo che l'italia è uno stato laico, non uno stato confessionale, il vaticano dichiara che lo stato è laico e che non

chiede di bloccare il Ddl Zan ma che il testo è vago...! 

Sul fronte legalizzazione Cannabis siamo sullo stesso livello di opposizione e un pò più in dietro dal punto di vista dell'iter burocratico.

L'azione proibizionista della Lega alla cannabis light ha destato scompiglio ma la Cannabis Sativa l. c'è ! 

Abbiamo ormai, pare, sconfitto questo COVID, sicuramente comparirà nei libri di storia anche se ancora non si capisce come è successo!

Considerando che la rivoluzione industriale è del 1760 ma forse da sempre in continua evoluzione, quello che possiamo aver capito è che lo

abbiamo sconfitto restando uniti e seguendo le direttive comuni;

valorizziamo ora la voglia di rialzarci con propositi di rinnovamento sociale...

GanjaLegal  

 

 

Leave the Comment